La Notte di Venere

Segnatelo sull’agenda, ricordatevelo con un post-it o scrivetelo sul dorso della mano: a cavallo tra il 5 e il 6 giugno ci sarà la Notte di Venere. No cavolo, non è un appuntamento in qualche night club e scordatevi streep tease bollenti. Anche se, a dirla tutta, sarà comunque una situazione “calda”: sì, perché il pianeta Venere transiterà davanti al Sole. Ma fosse solo questo! L’ultimo passaggio è stato registrato l’8 giugno del 2004; il prossimo? Si avrà nel 2117. Pare quindi opportuno buttare un occhio al cielo in quest’occasione perché organizzarsi per la prossima volta sarà un po’ dura.
Dunque, che cosa vedremo dall’italico stivale? Dando un’occhiata a questa cartina che mostra la visibilità del transito su scala mondiale, ci ritroviamo in una “fascia di serie B”. Diciamo che non siamo proprio degli sfigati – pensate ai poveri portoghesi, tanto per rimanere nel continente – e potremo osservare il fenomeno nella sua parte finale. Certo, bisognerà alzarsi presto. L’Osservatorio Astronomico di Padova ha tirato su questa bella pagina segnalando il passaggio in Italia per le principali città. Già sento la domanda: « E se non abito in una di queste città? » Be’, in tal caso basta ricordarsi che il web è molto vasto e pieno di risorse. Io ne segnalo una particolarmente gettonata, dall’utilizzo immediato e dalla facilità imbarazzante. È il planetario Open Source Stellarium. Il download e l’installazione sono gratuiti e vi permetteranno di osservare sul vostro schermo il cielo sopra le nostre teste, passato, presente o futuro! Per fare questo, inserite nell’apposita sezione le vostre coordinate geografiche (se non erro, si possono ricavare anche da Google Earth). Ora potete pure verificare da voi la correttezza di quegli orari!

Transito di Venere. Disegni di James Cook, 1769.

Transito di Venere. Disegni di James Cook, 1769.


Mi rendo conto che anche se ora siete attrezzati in questo modo, non è mica automatica l’osservazione del pianeta! Nel caso non aveste un telescopio vostro – e nel caso lo aveste, mi raccomando: usate adeguati filtri solari o a Natale riceverete un bastone bianco e un cane guida! – potrete sempre appoggiarvi a una delle tante iniziative sorte in occasione dell’evento. Io ve ne ho indicata una, ma oltre alle istituzioni nazionali, esiste il fiorente sottobosco di appassionati! Contattate quelli a voi più vicini e buona visione!
Va be’, se poi non potete fare altrimenti, esistono sempre i servizi di streaming live. Anche qui, io ve ne ho indicato uno, ma le alternative non mancano!

In ultimo, ecco un gustoso articolo (occhio ché è diviso in tre pezzi) con qualche dato in più su Venere e il suo imminente transito. Merito del bel progetto piemontese Cielo@Scuola.

 

Link utili

INAF
NASA SCIENCE

Annunci

E ora scrivi qualcosa tu!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...