6×5 – Le risposte, alcune in saldo

Risposte

Ecco, io mi ero immaginato di passare la serata sui libri e invece sono state pubblicate su Le Scienze le risposte dei Fantastici 5 sui temi a loro proposti e di cui ho parlato in qualche post fa. Potevo esimermi dal leggerle tutte e fare una specie di classifica? Certo che sì, ma prometto che domani farò il bravo studente. Forse.

Allora, ho assegnato un punteggio da uno a cinque per ogni risposta. Sì, proprio a mo’ di film. Ecco la mia legenda.

1 Pessima risposta
2 Non ci siamo
3 Passabile
4 Strada giusta
5 Bingo

Al punteggio personale per ogni domanda, segue un mio parere/sunto/valutazione del perché abbia dato x e non y a Tizio piuttosto che a Caio. Iniziamo con la domanda numero uno.

 

Ricerca

1. Quali politiche intende perseguire per il rilancio della ricerca in Italia, sia di base sia applicata, e quali provvedimenti concreti intende promuovere a favore dei ricercatori più giovani?

Pierluigi Bersani 2
Laura Puppato 3
Matteo Renzi 1
Bruno Tabacci 3
Nichi Vendola 2

Tutti hanno fatto una panoramica generale, riempiendola di tanti dobbiamo, si dovrebbe, bisogna, occorre ma pochi come – come (perdonate la ripetizione) peraltro fa ben notare Marco Delmastro commentando le risposte della Puppato.
Bersani mi sembra confuso perché per lui “Non esiste la distinzione fra la ricerca applicata e ricerca di base, esiste solo la buona ricerca”. D’accordo sulla seconda parte, ma la prima non te la abbono mica!
Puppato va meglio snocciolando numeri che l’Italia potrebbe conquistarsi (mi riferisco ai “450.000 posti di lavoro qualificati ”) e tira fuori dal cappello la questione dei brevetti.
Renzi dice che “L’Italia è intessuta di cultura e conoscenze sedimentate in una storia millenaria che anni di mancati investimenti per la scuola non sono riusciti a cancellare”… cioè nel 2012 dovremmo tirare avanti sulle conoscenze medioevali su come fare ceste di canapa, spade o sellare i cavalli? E ancora “L’obiettivo è avere una comunità scientifica meno provinciale, che esporta idee e attrae talenti”… ma’, forse a essere provinciale è la politica, non la comunità scientifica in toto. Renzi me lo aspettavo più audace o forse semplicemente più giovane…
Tabacci: risposta quasi interminabile, ma penso sia la più articolata. Ha timidamente osato tirare fuori almeno un come e ciò gli va riconosciuto.
Vendola: sì, tutto bello, ma m’aspettavo di più!

 

mappa del rischio sismico dal sito dell’INGV di Bologna

2. Quali misure adotterà per la messa in sicurezza del territorio nazionale dal punto di vista sismico e idrogeologico?

Pierluigi Bersani 2
Laura Puppato 4
Matteo Renzi 1
Bruno Tabacci 4
Nichi Vendola 2

Si parte con un’altra panoramica generale.
Frasi come “Per il mio governo la messa in sicurezza del territorio sarà la più importante opera pubblica da realizzare nel Paese” dette da Bersani sparano in alto. Troppo in alto. Ho letto molti verbi al futuro… un futuro piuttosto vago.
Puppato: finalmente, tra le altre cose, si parla di dove andare a prendere il grano.
Renzi con il suo “E’ inoltre fondamentale affidare agli amministratori locali il compito di definire le priorità di intervento sui propri territori” mi ha fatto innervosire: basta delegare agli altri!
Tabacci, sulla scia della Puppato, indica i bacini da cui attingere per la prevenzione del territorio. Bene.
Vendola: schioda da ‘sto due perché va bene, tiri fuori anche tu i tuoi bei dati, ma li usi nel modo sbagliato. Bisogna stringere la corda alla fine!

 

Politiche energetiche

3. Qual è la sua posizione sul cambiamento climatico e quali politiche energetiche si propone di mettere in campo?

Pierluigi Bersani 4
Laura Puppato 2
Matteo Renzi 2
Bruno Tabacci 3
Nichi Vendola 4

Qui Bersani si cucca un 4 d’incoraggiamento perché sottolinea punti importanti: “La nostra strategia si sviluppa lungo due assi principali: efficienza energetica e minimizzazione degli agenti inquinanti, agendo sui cicli di produzione e consumo, e diversificazione dell’approvvigionamento energetico, sostenendo le fonti rinnovabili” che a prima vista può sembrare generalista, ma mette l’accento su questioni fondamentali e ciò che segue dopo è quello che deve continuare a fare.
Puppato, ti puppi un 2. Punto.
Renzi: 2 è meglio di 1, certamente. Ma è un risultato ben misero, specie quando alcuni punti della risposta meriterebbero un 3 pieno.
Tabacci: per certi versi parla un po’ troppo della Cina e un po’ troppo poco dell’Italia, ma alcune proposte sono interessanti.
Vendola: i come continuano a latitare, ma ci sono tante proposte variegate e decisamente accattivanti. Se solo fossero venute in mente anche agli altri candidati…

 

Testamento biologico

4. Quali politiche intende adottare in materia di fecondazione assistita e testamento biologico? In particolare, qual è la sua posizione sulla legge 40?

Pierluigi Bersani 3
Laura Puppato 5
Matteo Renzi 4
Bruno Tabacci 2
Nichi Vendola 5

Bersani: pur avendolo letto per primo, è l’ultimo che valuto. Dalla sua risposta non ho ancora capito se sia favorevole all’eutanasia in generale, rimanendo contrario a quella praticata attivamente dal medico di turno, o se la rigetti in toto. In ogni caso: male.
La Puppato ha fatto bingo perché “Rispetto al fine vita sono convinta che ognuno di noi abbia il diritto di stabilire, in casi estremi, come sia più dignitoso andarsene. Ha diritto di dirlo, scriverlo su appositi registri e lo Stato dovrà rispettare queste volontà.” Forse sono stato troppo entusiasta della sua risposta, ma non ho altro da aggiungere al momento.
Renzi: meriterebbe un bingo, ma non conosco la Human Fertilisation and Embryology Authority di cui parla e avrei gradito maggiore specificità in merito. E a proposito della terminologia inglese, c’è un punto che ho sollevato al fondo del post.
Tabacci: credo che sia proprio sbagliato il concetto di accanimento terapeutico. Ha senso dare da mangiare a una persona per vederla morire lentamente, anche se con il sorriso sulle labbra perché imbottita di antidolorifici? In generale direi che la risposta è no. Però è la mia risposta. Che ognuno trovi la sua, senza il parere invasivo (quando non richiesto) di alcun medico.
Vendola: incredibilmente lapidario, almeno per i suoi standard. Meno male.

 

OGM

5. Quali politiche intende adottare per la sperimentazione pubblica in pieno campo di OGM e per l’etichettatura anche di latte, carni e formaggi derivati da animali nutriti con mangimi OGM?

Pierluigi Bersani 4
Laura Puppato 2
Matteo Renzi 2
Bruno Tabacci 3
Nichi Vendola 2

Bersani: ecumenico, ma mi sei piaciuto. Maggiore specificità però!
Puppato: si può anche non andare in sollucchero per gli OGM, ma non investirci energie sopra è davvero irragionevole. Puppato, sei fuori (ma solo con un 2, dai)!
Renzi: non so perché, ma penso che la tua sia una mossa politica più che una convinzione. Fossi un parlamentare t’avrei appioppato un 4 o un bingo, ma caschi male: è 2!
Tabacci: ti prendi un 3 a mo’ di premio; sei più aperto di quanto sospettassi!
Vendola: io sono pro tipicità, qualità, diversità e molte altre cose che finisco in -ità, però da te avrei voluto anche un po’ di plasticità mentale.

 

Medicina alternativa

6. Qual è la sua posizione in merito alle medicine alternative, in particolare per quel che riguarda il rimborso di queste terapie da parte del SSN?

Pierluigi Bersani 5
Laura Puppato 2
Matteo Renzi 5
Bruno Tabacci5
Nichi Vendola 5

Bersani: e Pier conclude con un bel bingo! Frase che vorrei sottolineare “Il governo della medicina e della sanità, sul piano delle scelte di spesa pubblica, deve usare la scienza e quindi fondarsi sulle prove, piuttosto che sulle opinioni o le credenze filosofiche. Il rimborso delle cure si paga con le tasse dei cittadini e quindi si deve trovare un piano di controllo – condiviso – dell’efficacia di quello che lo stato decide di pagare.”
Puppato: l’opposto di Pier. Finisci male e ti becchi un altro 2.
Renzi: altro bingo! Concordo sul disciplinare un settore infestato da sciamani e veri truffatori.
Tabacci: non capisco proprio perché tu sia tanto affezionato alla Cina, ma ti sei meritato anche tu cinque punti perché il metodo scientifico è imprescindibile!
Vendola: buono così anche se in chiusura non era necessario farsi delle ulteriori domande e darsi delle risposte non richieste.

In conclusione, facendo le medie, troviamo che:

Pierluigi Bersani 3,33
Laura Puppato 3
Matteo Renzi 2,5
Bruno Tabacci 3,33
Nichi Vendola 3,33

 

Nota.
In diverse risposte ci sono riferimenti a realtà esterne all’Italia  che è una cosa buona e giusta  ma diversi punti vengono affrontati con termini inglesi. Non comprendo perché un politico debba affrontare i temi della discussione in un’altra lingua a meno che non sia quello di confondere il ricevente del messaggio. Perché possiamo dirci globalizzati quanto vogliamo, ma la percentuale di italiani in grado di comprendere l’inglese è bassa! Non è una questione di affezione alla lingua natia – e il blog stesso le testimonia, a partire dalle immagini di questo post – ma di semplice chiarezza dei contenuti. Se poi le intenzioni sono buone, ma lo si fa per mostrarsi esperti sulla questione sciorinando una sfilza di termini a volte tecnici… be’, di code di pavone aperte ne facciamo tutti volentieri a meno.

Ah, dovesse nascere un’iniziativa analoga per i candidati del Pdl, rinuncio fin da ora all’impresa di lettura/valutazione. Va bene perdere tempo e trovarsi in difficoltà con lo studio più avanti, ma perdere tempo per gente come la Santanchè è volere proprio male a se stessi.

Annunci

3 thoughts on “6×5 – Le risposte, alcune in saldo

  1. Pingback: 6×5 – Le risposte, alcune in saldo « Arti e bagagli

E ora scrivi qualcosa tu!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...